Ireland – Mag Ealga – Plain of the Noble Ones

Ireland – Mág Ealga – Plain of the Noble Ones

– Artículo*: Celticlight1 –

Más info en psico@mijasnatural.com / 607725547 MENADEL Psicología Clínica y Transpersonal Tradicional (Pneumatología) en Mijas y Fuengirola, MIJAS NATURAL

*No suscribimos necesariamente las opiniones o artículos aquí enlazados

– Enlace a artículo –

Anuncios

Tres breves

1) Me levanto con la noticia de que han nombrado a Francisco López Gutiérrez (“Paco López”) nuevo director de la Bienal de Flamenco de Sevilla. Nombramiento que considero desafortunado. Aunque no les voy a ocultar, hacerlo sería jugar sucio, la aversión mutua que sentimos ese señor y yo. Él siempre mostró un indisimulado desdén hacia mi persona, más tarde transformado –cuando comencé a escribir reseñas sobre el Villamarta– en profundo desacuerdo con mi labor como crítico (me parece oportuno indicar que, de manera por completo coherente, dos de sus firmas de cabecera son Reverter y Mengíbar). Yo empecé admirando a López, y sigo pensando que en los primeros años realizó un formidable trabajo en su faceta de programador. A medida que fueron pasando los años, la admiración se transformó en todo lo contrario, pues en el momento en que se acomodó en el sillón, lo que hizo no fue tanto servir al Villamarta como poner al Villamarta a su servicio personal. Siempre a mi modo de ver, claro está. E hizo cosas altamente censurables, de las que ya he dado cuenta demasiadas veces como para repetirme. Sospecho que en la Bienal se autoprogramará con frecuencia, aunque eso no creo que importe a los sevillanos: es lo que hace Fahmi Alqhai en el FeMÀS. Bien pensado, los dos podrían montar juntos algún espectáculo de flamenco-fusión, que a ambos les va mucho ese rollo.2) En mi sala de audiciones tengo un gran mueble por discos con escuchar. He reordenado los contenidos. La música antigua ha pasado al lugar más inaccesible del conjunto, como también lo ha hecho la ópera. A cambio, he colocado a Haydn, a Mozart y a la música contemporánea en una balda mucho más cómoda. Las bandas sonoras siguen estando demasiado arriba para mis brazos, aunque accesibles. Y en lugar preferente, como siempre, el repertorio sinfónico tradicional: Beethoven, Schubert, Brahms, Tchaikovsky, Bruckner, Sibelius, Prokofiev… Para que vean en qué cambian mis gustos. Y también en qué no lo hacen.3) Una de las mejores experiencias musicales de mi vida está siendo escuchar la obra completa de Gÿorgy Ligeti. Me faltaban algunas páginas importantes suyas por escuchar, además de la mayoría de las “secundarias”. Y de las que conocía, algunas no las terminaba de comprender en toda su dimensión. No quiero decir que me resultara duro escucharlo: aunque fuera música “rara”, mi oído no ponía ninguna pega. Simplemente, no reparaba en lo grandísimo que era. En este momento, cuando ya estoy en la recta final, me doy cuenta de que el autor de Lontano no es solo uno de los más admirables compositores del siglo XX, sino también uno de los grandes genios de la historia de la música. Es difícil ser al mismo tiempo tan creativo, tan personal, tan arriesgado y tan rico en sugerencias. Modernísimo a la vez que intemporal. Si alguien me está leyendo, que no pierda el tiempo como yo lo he hecho: que se zambulla en este universo cuanto antes.

– Artículo*: Fernando López Vargas-Machuca –

Más info en psico@mijasnatural.com / 607725547 MENADEL Psicología Clínica y Transpersonal Tradicional (Pneumatología) en Mijas y Fuengirola, MIJAS NATURAL

*No suscribimos necesariamente las opiniones o artículos aquí enlazados

– Enlace a artículo –

Retrato de NGC 281 | Imagen astronomía diaria – Observatorio

Mirando este nube cósmica, catalogada como NGC 281, es fácil pasar por alto las estrellas del cúmulo abierto IC 1590 que contiene. Sin embargo, las estrellas jóvenes y masivas formadas dentro de la nebulosa empoderan, en última instancia, el omnipresente resplandor de la nebulosa. Las formas llamativas que dominan esta fotografía de NGC 281 son columnas esculpidas y densos glóbulos de polvo vistos en silueta, erosionados por los intensos vientos y la radiación procedentes de las estrellas del cúmulo. Si sobreviven bastante tiempo, estas estructuras polvorientas podrían ser lugares de formación estelar.
NGC 281, llamada la nebulosa Pacman por su forma, se encuentra a unos 10.000 años luz de la constelación Casiopea. Esta nítida imagen compuesta se hizo mediante filtros de banda estrecha y combinando la emisión procedente de los átomos de hidrógeno, azufre y oxígeno de la nebulosa en colores verde, rojo y azul. Abarca más de 80 años luz en la distancia estimada de NGC 281.

– Artículo*: Alex Dantart –

Más info en psico@mijasnatural.com / 607725547 MENADEL Psicología Clínica y Transpersonal Tradicional (Pneumatología) en Mijas y Fuengirola, MIJAS NATURAL

*No suscribimos necesariamente las opiniones o artículos aquí enlazados

– Enlace a artículo –

Arturo Reghini, Il Santo Impero

Arturo Reghini

Il Santo Impero[1]

Conformemente alle prescrizioni dei rituali tradizionali massonici, le pareti di questo Tempio, che rappresenta l’Universo, sono adorne delle tre statue di Ercole, Minerva e Venere. A queste tre divinità della nostra antica religione corrispondono tre attributi di cui esse sono come il simbolo e la personificazione: la forza, o meglio la potenza, la potestà, la virtù romanamente intesa; la Sapienza e l’Amore. Sono questi i simbolici pilastri dai quali secondo il catechismo muratorio è sorretta la loggia.

E queste tre stesse parole:

Fecemi la divina potestate,

La somma sapienza e il primo amore

vide Dante al sommo d’una porta, all’inizio di quel «cammino alto e silvestre», che dalla «selva selvaggia» e dalla «perduta gente» dovea condurlo all’iniziazione nel Paradiso terrestre prima e all’indiamento vero e proprio nel Paradiso poi. E poiché, secondo l’antico detto ermetico, quello che è in alto corrisponde a quello che è in basso e viceversa, sopra questi tre pilastri: amore, saggezza e potestà si regge non soltanto l’Universo, non soltanto il tempio massonico che ne è il simbolo, ma anche ogni impero ed ogni società ben costituita; ed un altro grande italiano, di cui si pubblica ora per la prima volta nel testo originale italiano un’importante opera, Fra Tommaso Campanella (Del senso delle cose e della Magia – Laterza, Bari, 1925) nella sua Città del Sole subito dopo lo stesso Capo supremo chiamato Metafizio pone tre Principi collaterali, Pon, Sin, Mor che vuol dire Potestà, Sapienza e Amore. La tradizione massonica edi più grandi italiani con essa, afferman dunque la necessità a ben governare di unire alla Potenza la Saggezza e l’Amore.
E diciamo saggezza o sapienza e non scienza a ben indicare che il genere di conoscenza di cui la Potestà abbisogna non è già la scienza, o l’insieme delle scienze umane, ma la scienza delle cose sacre, la scienza sacerdotale, appannaggio dei veri sacerdoti e di quelle religioni in cui si tramanda e si perpetua non una semplice liturgia rituale, non una vuota erudizione teologale, ma una effettiva, piena conoscenza dei sacri misteri. In tal caso la sapienza religiosa e la sapienza filosofica concordano e si identificano: in caso diverso la religione si manifesta impari al suo compito e la funzione di soccorrere e scortare l’autorità imperiale spetta alla sola autorità filosofica.

Al tempo di Dante e secondo il giudizio di Dante, la gerarchia della Chiesa Romana non si trovava all’altezza di tale compito, avendo tralignato ed essendosi corrotta. Ecco come lo stesso San Pietro si esprime al riguardo:

Se io mi trascoloro,

Non ti meravigliar; che, dicend’io,

Vedrai trascolorar tutti costoro,

Quegli che usurpa in terra il luogo mio,

Il luogo mio, il luogo mio, che vaca

Nella presenza del Figliuol di Dio;

Fatto ha del cimitero mio cloaca

Del sangue e della puzza; onde il perverso

Che cadde di quassù, laggiù si placa.

(Par. XXVII, 19-28)

Conseguentemente il grande imperialista, perseguitato ed esiliato dalla parte guelfa, sosteneva l’Impero nel suo secolare e fatale conflitto con la Chiesa. Nel De Monarchia Dante, asserendo e dimostrando la necessità, la fatalità ed il diritto dell’Impero romano universale, si opponeva recisamente alle pretese di predominio ed anche di semplice ingerenza papale, affermando che l’autorità imperiale dipende direttamente da Dio (De Monarchia, III, 13, 16) e che i due luminari (il Sole e la Luna che figurano anche nei nostri Templi), non rappresentano il Papa e l’Imperatore, la Chiesa e l’Impero (e quindi non si può, con tal illegittimo paragone, fare brillare l’imperatore di luce riflessa), ma che, ad ogni modo pur ammettendolo, la Luna non dipende dal Sole (De Monarchia, III, 4), e che l’Imperatore deve al Papa reverenza filiale e non più (De Monarchia, III, 4, 16).

Per conseguenza l’autorità civile, imperiale, doveva essere assolutamente sovrana rispetto all’autorità religiosa, ed ogni partecipazione della Chiesa al potere temporale doveva essere assolutamente negata e distrutta. Perciò Dante malediva Costantino, a cuiattribuiva la rovina del mondo, per avere con la sua maleagurata donazione (Dante non sapeva che si trattava di un falso storico per dare valore giuridico all’appropriazione indebita perpetrata) abbandonato Roma alla Chiesa (Par. XX, 60), e malediva la «confusione dei reggimenti» dannosa tanto all’autorità spirituale della Chiesa che al benessere dell’Impero. E per aver voluto, auspicato e profetato con tanta passione e tenacia la caduta del potere temporale dei Papi, bene è degno Dante che nell’anniversario del XX Settembre il pensiero degli italiani e specialmente dei massoni italiani si innalzi riconoscente verso di lui, profeta della nostra stirpe.

Ma non bastava a Dante togliere alla Chiesa il diretto dominio temporale. Egli mirava a sottrarre l’Impero da ogni ingerenza e dipendenza dall’autorità della Chiesa. Per lui l’Impero era il fme ultimo della civiltà umana, era necessario alla felicità del mondo, perché soltanto un governo universale ed unico poteva assicurare la pace universale come era avvenuto al tempo di Augusto, e se il popolo romano aveva conquistato l’impero ciò era avvenuto di pieno diritto, per volontà di Dio, perché per natura il popolo romano era destinato ad imperare. «Non da forza fu principalmente preso (l’Impero) per la Romana gente, ma da divina provvidenza che è sopra ogni ragione. E in ciò s’accorda Virgilio nel primo dell’Eneide, quando dice: in persona di Dio parlando: A costoro (cioè alli Romani) né termine di cose né di tempo pongo; a loro ho dato imperio senza fine. La forza dunque non fu cagion movente, siccome credea chi cavillava, ma fu cagione strumentale, siccome sono i colpi del martello cagione del coltello, e l’anima del fabbro è cagione efficiente e movente; e così non forza, ma ragione, e ancora divina, è stata cagione del Romano imperio.» (Il Convivio, IV, 4).

Per conseguenza l’autorità imperiale procede direttamente da Dio, e la Chiesa non ha il potere di conferire all’imperatore l’autorità che egli possiede, perché tale potere dovrebbe riceverlo «da Dio, o da se stessa, o da un altro imperatore o dall’universale assenso dei mortali» (De Mon. III, 14), tutte possibilità e pretese che Dante confuta, togliendo alla Chiesa il diritto e la possibilità di esercitare un’autorità sopra l’imperatore anche attraverso l’adescamento del suffragio popolare. Del resto, osserva Dante, lo stesso Gesù, lasciandosi condannare dal giudice imperiale ne riconobbe la legittima giurisdizione (De Mon. II, 13); come pure la Chiesa, accettando la donazione di Costantino, ammetteva implicitamente di essere a lui sottoposta.

Concludendo e rimandando il lettore che desideri saperne di più alle «opere minori» di Dante (che sono grandi nonostante l’epiteto che le designa), e specialmente al De Monarchia (che la Chiesa ha posto all’indice), possiamo con tutta sicurezza affermare che Dante voleva che l’autorità imperiale fosse assolutamente sovrana, immune ed indipendente da ogni influenza, ingerenza e consacrazione religiosa. E perciò la caduta del potere temporale dei Papi che oggi si commemora rappresenta solo l’inizio della attuazione di quella sovranità imperiale che Dante auspicava e profetava.

L’autorità imperiale, per quanto dipendente direttamente da Dio, per quanto rigorosamente separata da quella religiosa, nella concezione di Dante non veniva però abbandonata a se stessa. Essa doveva congiungersi alla autorità filosofica, affinché la Potestà assistita dalla Sapienza potesse felicemente governare. Ecco quanto scrive egli in proposito: «E non repugna [l’autorità filosofica] alla imperiale autoritade: ma quella sanza questa è pericolosa; e questa sanza quella è quasi debile, non per sé, ma per la disordinanza de la gente: si ché l’una coll’altra congiunta, utilissime e pienissime sono d’ogni vigore. E però si scrive in quello di Sapienza: Amate lo lume della Sapienza, voi tutti che siete dinanzi a’ populi; cioè a dire: Congiungasi la filosofica autoritade con la imperiale, a bene e perfettamente reggere. Oh miseri che al presente reggete! e oh miserrimi che retti siete! chénulla filosofica autoritade si congiunge con li vostri reggimenti, né per propio studio né per consiglio; sì ché a tutti si può dire quella parola de lo Ecclesiaste: Guai a te, terra, lo cui re è fanciullo, e li cui principi la domane mangiano; e a nulla terra si può dire quella che seguita: Beata la terra lo cui re è nobile e li cui principi cibano in suo tempo, a bisogno e non a lussuria! Ponetevi mente, nemici di Dio, a’ fianchi, voi che le verghe de’ reggimenti d’Italia prese avete; e dico a voi, Carlo e Federigo regi, e a voi altri principi e tiranni -; e guardate chi a lato vi siede per consiglio, e annumerate quante volte lo die di questo fine della umana vita (la vita felice) per li vostri consiglieri v’è additato! Meglio sarebbe a voi come rondine volare basso, che come nibbio altissime rote fare sopra le cose vilissime.» (Convivio, IV, 6. Dante stesso commenta questo passo più oltre, vedi: Convivio, IV, 16).

Quale sia la filosofica autorità che è necessario congiungasi alla imperiale a bene e perfettamente reggere è facile determinare e risulta dallo stesso Convivio; poiché Dante stesso dice: «Dico e affermo che la Donna di cui io innamorai appresso lo primo amore, fu la bellissima e onestissima figlia dello Imperadore dell’universo, alla quale Pittagora pose nome filosofia.» Ed altrove dice, riferendosi appunto alle parole ed al concetto di Pitagora che filosofia è «amistanza a sapienza».

E che dalla scuola italica, anche in questo, egli dovesse ispirarsi si poteva presumere ricordando che il suo iniziatore era il pitagorico Virgilio, il poeta imperiale, che lo aveva lasciato soltanto per affidarlo direttamente alla protezione di Beatrice, ossia dunque alla filosofia pitagoricamente intesa e che essendo la figlia dell’imperadore dell’universo, da cui il romano impero, per il fine della umana felicità, è voluto, merita evidentemente ed eminentemente il nome di Beatrice.

La concezione imperiale dantesca, come del resto ogni concezione monarchica e gerarchica tradizionale, si basa sopra la concezione monistica iniziatica dell’universo. Alla monade pitagorica corrisponde politicamente l’unicità e l’unità dell’autorità somma di governo, ossia la monarchia nel senso etimologico del termine. Questa concezione iniziatica, attuata in Occidente dal grande genio di Cesare, tanto esaltato da Dante, ed il cui nome designa ancor oggi, sin nelle lingue barbariche (Kaiser, Tsar) l’imperatore, minata eppoi distrutta dai barbari e dai cristiani, affiorante fatalmente nel Medio Evo, seguita e propugnata da tutte le associazioni e correnti iniziatiche dell’Occidente, sta alla base anche delle concezioni sociali della sapienza orientale ed estremo orientale. Il concetto musulmano del Califfato, quello hindu di Chakravarti, quello imperiale cinese e giapponese ne sono le più notevoli manifestazioni.

Nell’antica tradizione puramente muratoria questo concetto è adombrato nel simbolismo sociale del tempio della sapienza alla cui costruzione lavorano i Liberi Muratori. E per l’Impero e contro la Chiesa lavoravano e combattevano i Templari, istituiti per la liberazione del Tempio, distrutti dalla Chiesa Cattolica per questo motivo (e non per i pretesti addotti ad infamarli e renderli invisi), e di cui il 30∴ grado della gerarchia del Rito Scozzese Antico ed Accettato continua la tradizione rituale.

L’impero fu l’aspirazione e la meta anche dei Rosa-Croce. Nella famosa Confessio attribuita ad Andrea Valentinoè detto che «un governo dovrà essere istituito in Europa come quello di Damear in Arabia, dove soltanto dei savii governano», concetto che, se non è preso dalla Generale Riforma dell’Universo dai Sette Savii della Grecia e da altri letterati pubblicato di ordine di Apollo contenuta nel Ragguaglio di Parnasodel Boccalini, è certo assai affine ad esso.

Ed anche oggi in varie di quelle organizzazioni che si riattaccano con più o menogenuino diritto e derivazione ai Rosa Croce il capo dell’Ordine è denominato: Imperator.

Nella Massoneria «scozzese» il concetto del «Santo Impero», oltre ad apparire nel modo su indicato nel 18∴ e nel 30∴ grado si trova anche al vertice della piramide (che ne è il simbolo muratorio) poiché sopra di esso si basano il 32∴ ed il 33∴ grado. I Principi del Real Segreto che formano il Concistoro del 32∴ grado dell’attuale gerarchia, e che prima del 1786 costituivano il 25∴ edultimo grado del Rito di Perfezione, rappresentano infatti la grande armata che deve scendere in campo per liberare il Tempio di Gerusalemme dalle mani degli infedeli, e per costituire il Santo Impero, che non è altro, secondo dicono antichi rituali, che il Regno della Ragione, della Verità e della Giustizia. E le Costituzioni del 1786, sulle quali si basano tutti i Supremi Consigli del mondo, sanciscono la tradizione scozzese del «Santo Impero» persino nella terminologia gerarchica denominando Sovrano Gran Commendatore (Commander) il Capo del Supremo Consiglio, Gran Ministro di Stato, Gran Segretario del Santo Impero, Gran Tesoriere del Santo Impero, i Sommi Dignitari ed Ufficiali.

Napoleone I, «nostro fratello e protettore dell’Ordine», come ci dicono i Rituali Scozzesi del primo Supremo Consiglio d’Italia (1805), riesumando le legioni e le aquile, ricostituendo l’Impero, infrenando sotto la sua autorità quella del Papa, dando al figlio il nome augurale di Re di Roma, facendo solennemente celebrare nel 1813 il centenario della distruzione dei Templari, mostrava la sua comprensione del compito da attuare, e parve quasi ispirarsi alla tradizione imperiale dantesca quando al momento della incoronazione, con gesto meditato tolse dalle mani del sacerdote officiante la corona ferrea e se la pose in capo con le sue stesse mani affermando che Dio (e non un’altra qualsiasi autorità) gliela aveva data. E si mostrava conscio del carattere del Rito Scozzese favorendone lo sviluppo e l’azione edonorandone la filosofica autorità.

Se dobbiamo prestar fede a quanto racconta Samuel Paul Rosen (un ebreo polacco che dopo esser passato per tutti i gradi della Massoneria si ribellò contro di essa e fece traffico dei suoi secreti, autentici o no), la Massoneria non si sarebbe limitata ad una platonica aspirazione, ma avrebbe addirittura lavorato alla realizzazione dell’impero universale con capitale Roma. Ad ogni modo, a quanto dice il Rosen nel suo libro: L’Ennemie Sociale – Histoire documentée de la Franc-Maçonnerie de 1717 a 1890 en France, en Belgique et en Italie. Paris 1890, presta fede il gesuita Mgr. Léon Meurin, il quale nel suo libro: La Franc-Maçonnerie, Synagogue de Satan – Paris 1893 riporta e fa suo, come capo d’accusa contro la Massoneria, l’istruzione data al Generale Garibaldi, e quella data a S. A. R. il Principe di Galles.

Riportiamo testualmente anche noi dalla pagina 264 della versione italiana del libro delMeurin (La Frammassoneria, Sinagoga di Satana per Monsignore Leone Meurin S. /. Arcivescovo – Vescovo di Port-Louis, versione del Sac. Angelo Acquarone – Siena, presso l’Ufficio della “Biblioteca del Clero” – 1895, Costituisce il vol. VII della “Biblioteca del Clero”): «Dopo aver rovesciato il potere temporale del Papa, del nostro nemico infame e mortale coll’aiuto dell’Italia e della Francia, noi indeboliremo la Francia, sostegno del suo potere spirituale, coll’aiuto della nostra potenza e con quella dell’Allemagna.

E un giorno verrà cui dopo la divisione integrale dell’Europa in due Imperi, l’Alemanno d’occidente e il Russo d’Oriente, la Massoneria li unirà in un solo, con Roma a capitale dell’Universo intero». Questo il piano satanico della «setta»denunciato dal massone rinnegato Rosen e dall’autentico e fedel gesuita Meurin, cui dedicheremo una piccola parentesi.

Questo Mr. Meurin,è stato il più sapiente teorico della scuola antimassonica del Hièron, di Paray-le-Monial, secondo il quale College historique du Hièron, la Massoneria non è altro che della Cabala, ed uno strumento del semitismo. Uno studioso serio, l’ebraista Paul Vulliaud nel suo libro su La Kabbale Juive (1923), vol II, pag. 302-307, ha dimostrato che Mgr. Meurin, maestro e dottore dell’Hièron, e redattore del “Novissimum Organum” era una poderosissima bestia, nonostante che anche a lui spettassero le felicitazioni che il P. Dehon, consultore della Congregazione dell’Indice, aveva rivolto ai redattori dell’Hièron. A quanto dice il Vulliaud ci sarebbe molto da aggiungere. Questo per esempio: il Meurin riporta come genuina leggenda di Hiram (pure alterandola per meglio servirsene nella sua diffamazione) una variante della leggenda di Hiram che egli prende da un altro diffamatore clericale e cioè dal Saint-Albin (Alex. de) – Les Francs-Maçons, 1862, che ne tratta per una ventina di pagine dicendo di averla presa dalla massoneria di adozione, mentre invece essa non esiste né nella massoneria di adozione, né in quella ordinaria, essendo semplicemente contenuta in una novella di Gérard de Nerval, che essendo passato all’Oriente eterno alcuni anni prima non poteva dare del ladro e del bugiardo al cattolico diffamatore della Massoneria. Sull’interpretazione di questa leggenda spuria debitamente alterata dal Saint-Albin, e poi dal Meurin e dal Taxil (e male auguratamente riprodotta dal De Castro e dal Bacci senza farne la storia), poggia la requisitoria contro la massoneria dell’onesto e sapiente campione della Società di Gesù. Per chiudere questa parentesi diremo ancora che questo gesuita, e con lui tutti gli scrittori antimassonici della «setta» clericale, caccia le alte strida a proposito della interpretazione data in massoneria alla parola Tubalcain (possessio orbis), ignorando evidentemente che è esattamente quella che ne danno Sant’Isidoro e San Girolamo, come chiunque può immediatamente verificare consultando la Patrologia del Migne (Vol. 82 e Vol. 23). Dopodiché è lecito arguire che se gli altri volumi della “Biblioteca del Clero” sono di questa forza, si va piuttosto maluccio anche in fatto di semplice erudizione.

Chiusa la parentesi, e torniamo a noi.

Sia o non sia giustificata l’accusa d’imperialismo rivolta al nostro grande fratello Giuseppe Garibaldi, possiamo constatare che, pur volendo fare di Roma la Capitale d’Italia e forse di un governo unico che estendesse la sua autorità su tutto il mondo, sotto forma di Impero come Dante auspicava, o di Alleanza universale dei popoli o di confederazione europea, l’aspirazione verso una terza Roma, sede di un organismo statale universale, non andava certamente, in Dante, Mazzini e Garibaldi a scapito dell’amore di patria, che per la grandezza di Roma e d’Italia questi grandi Italiani soffersero, lavorarono e lottarono in modo così ardente e puro che pochi potranno avere eguagliato, sorpassato nessuno. E ci sia lecito affermare che anche noi sentiamo potentemente l’amore per la nostra patria, che non intendiamo sacrificare in nessuna maniera ed a nessuna autorità, pure sentendo che non si deve e non si può nel suo stesso interesse e per la sua stessa gloria astrarre dai bisogni e dai destini dell’intera umanità, che vorremmo vedere governata da un potere universale ed unico, savio e benefico, designato nella tradizione dello scozzesismo col nome di Santo Impero.

Non è per opportunità che seguiamo questa linea imperialistica, poiché se oggi da molti si parla di impero noi possiamo mostrare di avere precorso i tempi, ed i fratelli ben ricorderanno le nostre parole ed i nostri atti sino da molti anni or sono. Ma noi non pretendiamo ad alcuna originalità, parliamo come massoni scozzesi cui tocca in sorte oggi interpretare ed esporre la nostra tradizione, edagire e parlare inspirandosi e subordinandosi ad essa, alla tradizione scozzese, che concorda perfettamente con la tradizione pitagorica, romana, dantesca.

La necessità di sostituire al Chaos europeo e mondiale un unico governo, che liberi l’Europa edil mondo dalle spaventose conseguenze di una nuova conflagrazione, che può scaturire dalle competizioni dei varii stati in cui l’Europa è divisa, comincia ad essere universalmente sentita. L’Occidente aspira a ricostituire la sua unità, cui forse sono legate anche le sorti della sua civiltà. E poiché questa deriva dalla civiltà che l’impero romano estese nella sua universalità al mondo allora conosciuto, ed è in fondo ancora civiltà romana, sembra abbastanza giustificato di riportarsi a Roma da cui essa scaturì, e venneattuata e diffusa, come a suo centro e perno.

Naturalmente la nostra aspirazione tradizionale ed iniziatica al «Santo Impero» non ha nulla a che fare con le correnti di carattere universale, che poggiano sopra concezioni profane di natura prevalentemente economica, come il socialismo ed il bolscevismo ed altre correnti e movimenti sorti ed inspirati da paesi stranieri; ma in simil modo non ha nulla a che fare con i movimenti che vorrebbero instaurare un impero a beneficio di un determinato popolo, come la Germania ha tentato, e come dicesi sia voluto dai «Savi anziani di Sion», e non ha nulla a che fare con quegli imperialisti che sognano un impero limitato alla porzione cattolica dell’Occidente, per uso e consumo della Compagnia di Gesù. Pensare di ricostituire l’impero con l’aiuto di quelle correnti che lo distrussero, che lo vollero distruggeree della distruzione menarono e menan vanto, ci sembra un’assurdità. La Chiesa che secondo Machiavelli fu causa della mancata costituzione d’Italia a nazione, quando Francia, Inghilterra, Germania, Spagna a nazione si costituivano, e fu causa quindi della gravissima inferiorità nostra di fronte alle altre nazioni per il ritardo secolare della nostra costituzione a nazione unita ed indipendente, ritardo di cui anche oggi scontiamo amaramente le conseguenze, la Chiesa che ci ha avversato in tutti i modi durante tutto il periodo del nostro risorgimento, non può servire a costituire l’impero. Se lo facesselo farebbe collo scopo di fare il suo interesse, e non il nostro. Ed in vero essa mira ad un impero puramente latino. Mentre noi massoni pensiamo a tutta la cristianità, a tutto l’Occidente, che occorre unificare, fortificare ed innalzare, ridando piena e libera manifestazione a tutte le antiche energie del suo genio, soffocate ma non distrutte con la caduta dell’impero romano.

Ed infine, ancora una volta ripetiamo con Dante che l’autorità imperiale deve essere sovrana, indipendente dall’autorità religiosa, e congiunta invece all’autorità filosofica, ossia alla sapienza che solo l’iniziazione può dare.

[1] Pubblicato nella rivista «Era Nuova», 1925.

– Artículo*: Pietro –

Más info en psico@mijasnatural.com / 607725547 MENADEL Psicología Clínica y Transpersonal Tradicional (Pneumatología) en Mijas y Fuengirola, MIJAS NATURAL

*No suscribimos necesariamente las opiniones o artículos aquí enlazados

– Enlace a artículo –

Arturo Reghini, Il Santo Impero

Arturo Reghini

Il Santo Impero[1]

Conformemente alle prescrizioni dei rituali tradizionali massonici, le pareti di questo Tempio, che rappresenta l’Universo, sono adorne delle tre statue di Ercole, Minerva e Venere. A queste tre divinità della nostra antica religione corrispondono tre attributi di cui esse sono come il simbolo e la personificazione: la forza, o meglio la potenza, la potestà, la virtù romanamente intesa; la Sapienza e l’Amore. Sono questi i simbolici pilastri dai quali secondo il catechismo muratorio è sorretta la loggia.

E queste tre stesse parole:

Fecemi la divina potestate,

La somma sapienza e il primo amore

vide Dante al sommo d’una porta, all’inizio di quel «cammino alto e silvestre», che dalla «selva selvaggia» e dalla «perduta gente» dovea condurlo all’iniziazione nel Paradiso terrestre prima e all’indiamento vero e proprio nel Paradiso poi. E poiché, secondo l’antico detto ermetico, quello che è in alto corrisponde a quello che è in basso e viceversa, sopra questi tre pilastri: amore, saggezza e potestà si regge non soltanto l’Universo, non soltanto il tempio massonico che ne è il simbolo, ma anche ogni impero ed ogni società ben costituita; ed un altro grande italiano, di cui si pubblica ora per la prima volta nel testo originale italiano un’importante opera, Fra Tommaso Campanella (Del senso delle cose e della Magia – Laterza, Bari, 1925) nella sua Città del Sole subito dopo lo stesso Capo supremo chiamato Metafizio pone tre Principi collaterali, Pon, Sin, Mor che vuol dire Potestà, Sapienza e Amore. La tradizione massonica edi più grandi italiani con essa, afferman dunque la necessità a ben governare di unire alla Potenza la Saggezza e l’Amore.
E diciamo saggezza o sapienza e non scienza a ben indicare che il genere di conoscenza di cui la Potestà abbisogna non è già la scienza, o l’insieme delle scienze umane, ma la scienza delle cose sacre, la scienza sacerdotale, appannaggio dei veri sacerdoti e di quelle religioni in cui si tramanda e si perpetua non una semplice liturgia rituale, non una vuota erudizione teologale, ma una effettiva, piena conoscenza dei sacri misteri. In tal caso la sapienza religiosa e la sapienza filosofica concordano e si identificano: in caso diverso la religione si manifesta impari al suo compito e la funzione di soccorrere e scortare l’autorità imperiale spetta alla sola autorità filosofica.

Al tempo di Dante e secondo il giudizio di Dante, la gerarchia della Chiesa Romana non si trovava all’altezza di tale compito, avendo tralignato ed essendosi corrotta. Ecco come lo stesso San Pietro si esprime al riguardo:

Se io mi trascoloro,

Non ti meravigliar; che, dicend’io,

Vedrai trascolorar tutti costoro,

Quegli che usurpa in terra il luogo mio,

Il luogo mio, il luogo mio, che vaca

Nella presenza del Figliuol di Dio;

Fatto ha del cimitero mio cloaca

Del sangue e della puzza; onde il perverso

Che cadde di quassù, laggiù si placa.

(Par. XXVII, 19-28)

Conseguentemente il grande imperialista, perseguitato ed esiliato dalla parte guelfa, sosteneva l’Impero nel suo secolare e fatale conflitto con la Chiesa. Nel De Monarchia Dante, asserendo e dimostrando la necessità, la fatalità ed il diritto dell’Impero romano universale, si opponeva recisamente alle pretese di predominio ed anche di semplice ingerenza papale, affermando che l’autorità imperiale dipende direttamente da Dio (De Monarchia, III, 13, 16) e che i due luminari (il Sole e la Luna che figurano anche nei nostri Templi), non rappresentano il Papa e l’Imperatore, la Chiesa e l’Impero (e quindi non si può, con tal illegittimo paragone, fare brillare l’imperatore di luce riflessa), ma che, ad ogni modo pur ammettendolo, la Luna non dipende dal Sole (De Monarchia, III, 4), e che l’Imperatore deve al Papa reverenza filiale e non più (De Monarchia, III, 4, 16).

Per conseguenza l’autorità civile, imperiale, doveva essere assolutamente sovrana rispetto all’autorità religiosa, ed ogni partecipazione della Chiesa al potere temporale doveva essere assolutamente negata e distrutta. Perciò Dante malediva Costantino, a cuiattribuiva la rovina del mondo, per avere con la sua maleagurata donazione (Dante non sapeva che si trattava di un falso storico per dare valore giuridico all’appropriazione indebita perpetrata) abbandonato Roma alla Chiesa (Par. XX, 60), e malediva la «confusione dei reggimenti» dannosa tanto all’autorità spirituale della Chiesa che al benessere dell’Impero. E per aver voluto, auspicato e profetato con tanta passione e tenacia la caduta del potere temporale dei Papi, bene è degno Dante che nell’anniversario del XX Settembre il pensiero degli italiani e specialmente dei massoni italiani si innalzi riconoscente verso di lui, profeta della nostra stirpe.

Ma non bastava a Dante togliere alla Chiesa il diretto dominio temporale. Egli mirava a sottrarre l’Impero da ogni ingerenza e dipendenza dall’autorità della Chiesa. Per lui l’Impero era il fme ultimo della civiltà umana, era necessario alla felicità del mondo, perché soltanto un governo universale ed unico poteva assicurare la pace universale come era avvenuto al tempo di Augusto, e se il popolo romano aveva conquistato l’impero ciò era avvenuto di pieno diritto, per volontà di Dio, perché per natura il popolo romano era destinato ad imperare. «Non da forza fu principalmente preso (l’Impero) per la Romana gente, ma da divina provvidenza che è sopra ogni ragione. E in ciò s’accorda Virgilio nel primo dell’Eneide, quando dice: in persona di Dio parlando: A costoro (cioè alli Romani) né termine di cose né di tempo pongo; a loro ho dato imperio senza fine. La forza dunque non fu cagion movente, siccome credea chi cavillava, ma fu cagione strumentale, siccome sono i colpi del martello cagione del coltello, e l’anima del fabbro è cagione efficiente e movente; e così non forza, ma ragione, e ancora divina, è stata cagione del Romano imperio.» (Il Convivio, IV, 4).

Per conseguenza l’autorità imperiale procede direttamente da Dio, e la Chiesa non ha il potere di conferire all’imperatore l’autorità che egli possiede, perché tale potere dovrebbe riceverlo «da Dio, o da se stessa, o da un altro imperatore o dall’universale assenso dei mortali» (De Mon. III, 14), tutte possibilità e pretese che Dante confuta, togliendo alla Chiesa il diritto e la possibilità di esercitare un’autorità sopra l’imperatore anche attraverso l’adescamento del suffragio popolare. Del resto, osserva Dante, lo stesso Gesù, lasciandosi condannare dal giudice imperiale ne riconobbe la legittima giurisdizione (De Mon. II, 13); come pure la Chiesa, accettando la donazione di Costantino, ammetteva implicitamente di essere a lui sottoposta.

Concludendo e rimandando il lettore che desideri saperne di più alle «opere minori» di Dante (che sono grandi nonostante l’epiteto che le designa), e specialmente al De Monarchia (che la Chiesa ha posto all’indice), possiamo con tutta sicurezza affermare che Dante voleva che l’autorità imperiale fosse assolutamente sovrana, immune ed indipendente da ogni influenza, ingerenza e consacrazione religiosa. E perciò la caduta del potere temporale dei Papi che oggi si commemora rappresenta solo l’inizio della attuazione di quella sovranità imperiale che Dante auspicava e profetava.

L’autorità imperiale, per quanto dipendente direttamente da Dio, per quanto rigorosamente separata da quella religiosa, nella concezione di Dante non veniva però abbandonata a se stessa. Essa doveva congiungersi alla autorità filosofica, affinché la Potestà assistita dalla Sapienza potesse felicemente governare. Ecco quanto scrive egli in proposito: «E non repugna [l’autorità filosofica] alla imperiale autoritade: ma quella sanza questa è pericolosa; e questa sanza quella è quasi debile, non per sé, ma per la disordinanza de la gente: si ché l’una coll’altra congiunta, utilissime e pienissime sono d’ogni vigore. E però si scrive in quello di Sapienza: Amate lo lume della Sapienza, voi tutti che siete dinanzi a’ populi; cioè a dire: Congiungasi la filosofica autoritade con la imperiale, a bene e perfettamente reggere. Oh miseri che al presente reggete! e oh miserrimi che retti siete! chénulla filosofica autoritade si congiunge con li vostri reggimenti, né per propio studio né per consiglio; sì ché a tutti si può dire quella parola de lo Ecclesiaste: Guai a te, terra, lo cui re è fanciullo, e li cui principi la domane mangiano; e a nulla terra si può dire quella che seguita: Beata la terra lo cui re è nobile e li cui principi cibano in suo tempo, a bisogno e non a lussuria! Ponetevi mente, nemici di Dio, a’ fianchi, voi che le verghe de’ reggimenti d’Italia prese avete; e dico a voi, Carlo e Federigo regi, e a voi altri principi e tiranni -; e guardate chi a lato vi siede per consiglio, e annumerate quante volte lo die di questo fine della umana vita (la vita felice) per li vostri consiglieri v’è additato! Meglio sarebbe a voi come rondine volare basso, che come nibbio altissime rote fare sopra le cose vilissime.» (Convivio, IV, 6. Dante stesso commenta questo passo più oltre, vedi: Convivio, IV, 16).

Quale sia la filosofica autorità che è necessario congiungasi alla imperiale a bene e perfettamente reggere è facile determinare e risulta dallo stesso Convivio; poiché Dante stesso dice: «Dico e affermo che la Donna di cui io innamorai appresso lo primo amore, fu la bellissima e onestissima figlia dello Imperadore dell’universo, alla quale Pittagora pose nome filosofia.» Ed altrove dice, riferendosi appunto alle parole ed al concetto di Pitagora che filosofia è «amistanza a sapienza».

E che dalla scuola italica, anche in questo, egli dovesse ispirarsi si poteva presumere ricordando che il suo iniziatore era il pitagorico Virgilio, il poeta imperiale, che lo aveva lasciato soltanto per affidarlo direttamente alla protezione di Beatrice, ossia dunque alla filosofia pitagoricamente intesa e che essendo la figlia dell’imperadore dell’universo, da cui il romano impero, per il fine della umana felicità, è voluto, merita evidentemente ed eminentemente il nome di Beatrice.

La concezione imperiale dantesca, come del resto ogni concezione monarchica e gerarchica tradizionale, si basa sopra la concezione monistica iniziatica dell’universo. Alla monade pitagorica corrisponde politicamente l’unicità e l’unità dell’autorità somma di governo, ossia la monarchia nel senso etimologico del termine. Questa concezione iniziatica, attuata in Occidente dal grande genio di Cesare, tanto esaltato da Dante, ed il cui nome designa ancor oggi, sin nelle lingue barbariche (Kaiser, Tsar) l’imperatore, minata eppoi distrutta dai barbari e dai cristiani, affiorante fatalmente nel Medio Evo, seguita e propugnata da tutte le associazioni e correnti iniziatiche dell’Occidente, sta alla base anche delle concezioni sociali della sapienza orientale ed estremo orientale. Il concetto musulmano del Califfato, quello hindu di Chakravarti, quello imperiale cinese e giapponese ne sono le più notevoli manifestazioni.

Nell’antica tradizione puramente muratoria questo concetto è adombrato nel simbolismo sociale del tempio della sapienza alla cui costruzione lavorano i Liberi Muratori. E per l’Impero e contro la Chiesa lavoravano e combattevano i Templari, istituiti per la liberazione del Tempio, distrutti dalla Chiesa Cattolica per questo motivo (e non per i pretesti addotti ad infamarli e renderli invisi), e di cui il 30∴ grado della gerarchia del Rito Scozzese Antico ed Accettato continua la tradizione rituale.

L’impero fu l’aspirazione e la meta anche dei Rosa-Croce. Nella famosa Confessio attribuita ad Andrea Valentinoè detto che «un governo dovrà essere istituito in Europa come quello di Damear in Arabia, dove soltanto dei savii governano», concetto che, se non è preso dalla Generale Riforma dell’Universo dai Sette Savii della Grecia e da altri letterati pubblicato di ordine di Apollo contenuta nel Ragguaglio di Parnasodel Boccalini, è certo assai affine ad esso.

Ed anche oggi in varie di quelle organizzazioni che si riattaccano con più o menogenuino diritto e derivazione ai Rosa Croce il capo dell’Ordine è denominato: Imperator.

Nella Massoneria «scozzese» il concetto del «Santo Impero», oltre ad apparire nel modo su indicato nel 18∴ e nel 30∴ grado si trova anche al vertice della piramide (che ne è il simbolo muratorio) poiché sopra di esso si basano il 32∴ ed il 33∴ grado. I Principi del Real Segreto che formano il Concistoro del 32∴ grado dell’attuale gerarchia, e che prima del 1786 costituivano il 25∴ edultimo grado del Rito di Perfezione, rappresentano infatti la grande armata che deve scendere in campo per liberare il Tempio di Gerusalemme dalle mani degli infedeli, e per costituire il Santo Impero, che non è altro, secondo dicono antichi rituali, che il Regno della Ragione, della Verità e della Giustizia. E le Costituzioni del 1786, sulle quali si basano tutti i Supremi Consigli del mondo, sanciscono la tradizione scozzese del «Santo Impero» persino nella terminologia gerarchica denominando Sovrano Gran Commendatore (Commander) il Capo del Supremo Consiglio, Gran Ministro di Stato, Gran Segretario del Santo Impero, Gran Tesoriere del Santo Impero, i Sommi Dignitari ed Ufficiali.

Napoleone I, «nostro fratello e protettore dell’Ordine», come ci dicono i Rituali Scozzesi del primo Supremo Consiglio d’Italia (1805), riesumando le legioni e le aquile, ricostituendo l’Impero, infrenando sotto la sua autorità quella del Papa, dando al figlio il nome augurale di Re di Roma, facendo solennemente celebrare nel 1813 il centenario della distruzione dei Templari, mostrava la sua comprensione del compito da attuare, e parve quasi ispirarsi alla tradizione imperiale dantesca quando al momento della incoronazione, con gesto meditato tolse dalle mani del sacerdote officiante la corona ferrea e se la pose in capo con le sue stesse mani affermando che Dio (e non un’altra qualsiasi autorità) gliela aveva data. E si mostrava conscio del carattere del Rito Scozzese favorendone lo sviluppo e l’azione edonorandone la filosofica autorità.

Se dobbiamo prestar fede a quanto racconta Samuel Paul Rosen (un ebreo polacco che dopo esser passato per tutti i gradi della Massoneria si ribellò contro di essa e fece traffico dei suoi secreti, autentici o no), la Massoneria non si sarebbe limitata ad una platonica aspirazione, ma avrebbe addirittura lavorato alla realizzazione dell’impero universale con capitale Roma. Ad ogni modo, a quanto dice il Rosen nel suo libro: L’Ennemie Sociale – Histoire documentée de la Franc-Maçonnerie de 1717 a 1890 en France, en Belgique et en Italie. Paris 1890, presta fede il gesuita Mgr. Léon Meurin, il quale nel suo libro: La Franc-Maçonnerie, Synagogue de Satan – Paris 1893 riporta e fa suo, come capo d’accusa contro la Massoneria, l’istruzione data al Generale Garibaldi, e quella data a S. A. R. il Principe di Galles.

Riportiamo testualmente anche noi dalla pagina 264 della versione italiana del libro delMeurin (La Frammassoneria, Sinagoga di Satana per Monsignore Leone Meurin S. /. Arcivescovo – Vescovo di Port-Louis, versione del Sac. Angelo Acquarone – Siena, presso l’Ufficio della “Biblioteca del Clero” – 1895, Costituisce il vol. VII della “Biblioteca del Clero”): «Dopo aver rovesciato il potere temporale del Papa, del nostro nemico infame e mortale coll’aiuto dell’Italia e della Francia, noi indeboliremo la Francia, sostegno del suo potere spirituale, coll’aiuto della nostra potenza e con quella dell’Allemagna.

E un giorno verrà cui dopo la divisione integrale dell’Europa in due Imperi, l’Alemanno d’occidente e il Russo d’Oriente, la Massoneria li unirà in un solo, con Roma a capitale dell’Universo intero». Questo il piano satanico della «setta»denunciato dal massone rinnegato Rosen e dall’autentico e fedel gesuita Meurin, cui dedicheremo una piccola parentesi.

Questo Mr. Meurin,è stato il più sapiente teorico della scuola antimassonica del Hièron, di Paray-le-Monial, secondo il quale College historique du Hièron, la Massoneria non è altro che della Cabala, ed uno strumento del semitismo. Uno studioso serio, l’ebraista Paul Vulliaud nel suo libro su La Kabbale Juive (1923), vol II, pag. 302-307, ha dimostrato che Mgr. Meurin, maestro e dottore dell’Hièron, e redattore del “Novissimum Organum” era una poderosissima bestia, nonostante che anche a lui spettassero le felicitazioni che il P. Dehon, consultore della Congregazione dell’Indice, aveva rivolto ai redattori dell’Hièron. A quanto dice il Vulliaud ci sarebbe molto da aggiungere. Questo per esempio: il Meurin riporta come genuina leggenda di Hiram (pure alterandola per meglio servirsene nella sua diffamazione) una variante della leggenda di Hiram che egli prende da un altro diffamatore clericale e cioè dal Saint-Albin (Alex. de) – Les Francs-Maçons, 1862, che ne tratta per una ventina di pagine dicendo di averla presa dalla massoneria di adozione, mentre invece essa non esiste né nella massoneria di adozione, né in quella ordinaria, essendo semplicemente contenuta in una novella di Gérard de Nerval, che essendo passato all’Oriente eterno alcuni anni prima non poteva dare del ladro e del bugiardo al cattolico diffamatore della Massoneria. Sull’interpretazione di questa leggenda spuria debitamente alterata dal Saint-Albin, e poi dal Meurin e dal Taxil (e male auguratamente riprodotta dal De Castro e dal Bacci senza farne la storia), poggia la requisitoria contro la massoneria dell’onesto e sapiente campione della Società di Gesù. Per chiudere questa parentesi diremo ancora che questo gesuita, e con lui tutti gli scrittori antimassonici della «setta» clericale, caccia le alte strida a proposito della interpretazione data in massoneria alla parola Tubalcain (possessio orbis), ignorando evidentemente che è esattamente quella che ne danno Sant’Isidoro e San Girolamo, come chiunque può immediatamente verificare consultando la Patrologia del Migne (Vol. 82 e Vol. 23). Dopodiché è lecito arguire che se gli altri volumi della “Biblioteca del Clero” sono di questa forza, si va piuttosto maluccio anche in fatto di semplice erudizione.

Chiusa la parentesi, e torniamo a noi.

Sia o non sia giustificata l’accusa d’imperialismo rivolta al nostro grande fratello Giuseppe Garibaldi, possiamo constatare che, pur volendo fare di Roma la Capitale d’Italia e forse di un governo unico che estendesse la sua autorità su tutto il mondo, sotto forma di Impero come Dante auspicava, o di Alleanza universale dei popoli o di confederazione europea, l’aspirazione verso una terza Roma, sede di un organismo statale universale, non andava certamente, in Dante, Mazzini e Garibaldi a scapito dell’amore di patria, che per la grandezza di Roma e d’Italia questi grandi Italiani soffersero, lavorarono e lottarono in modo così ardente e puro che pochi potranno avere eguagliato, sorpassato nessuno. E ci sia lecito affermare che anche noi sentiamo potentemente l’amore per la nostra patria, che non intendiamo sacrificare in nessuna maniera ed a nessuna autorità, pure sentendo che non si deve e non si può nel suo stesso interesse e per la sua stessa gloria astrarre dai bisogni e dai destini dell’intera umanità, che vorremmo vedere governata da un potere universale ed unico, savio e benefico, designato nella tradizione dello scozzesismo col nome di Santo Impero.

Non è per opportunità che seguiamo questa linea imperialistica, poiché se oggi da molti si parla di impero noi possiamo mostrare di avere precorso i tempi, ed i fratelli ben ricorderanno le nostre parole ed i nostri atti sino da molti anni or sono. Ma noi non pretendiamo ad alcuna originalità, parliamo come massoni scozzesi cui tocca in sorte oggi interpretare ed esporre la nostra tradizione, edagire e parlare inspirandosi e subordinandosi ad essa, alla tradizione scozzese, che concorda perfettamente con la tradizione pitagorica, romana, dantesca.

La necessità di sostituire al Chaos europeo e mondiale un unico governo, che liberi l’Europa edil mondo dalle spaventose conseguenze di una nuova conflagrazione, che può scaturire dalle competizioni dei varii stati in cui l’Europa è divisa, comincia ad essere universalmente sentita. L’Occidente aspira a ricostituire la sua unità, cui forse sono legate anche le sorti della sua civiltà. E poiché questa deriva dalla civiltà che l’impero romano estese nella sua universalità al mondo allora conosciuto, ed è in fondo ancora civiltà romana, sembra abbastanza giustificato di riportarsi a Roma da cui essa scaturì, e venneattuata e diffusa, come a suo centro e perno.

Naturalmente la nostra aspirazione tradizionale ed iniziatica al «Santo Impero» non ha nulla a che fare con le correnti di carattere universale, che poggiano sopra concezioni profane di natura prevalentemente economica, come il socialismo ed il bolscevismo ed altre correnti e movimenti sorti ed inspirati da paesi stranieri; ma in simil modo non ha nulla a che fare con i movimenti che vorrebbero instaurare un impero a beneficio di un determinato popolo, come la Germania ha tentato, e come dicesi sia voluto dai «Savi anziani di Sion», e non ha nulla a che fare con quegli imperialisti che sognano un impero limitato alla porzione cattolica dell’Occidente, per uso e consumo della Compagnia di Gesù. Pensare di ricostituire l’impero con l’aiuto di quelle correnti che lo distrussero, che lo vollero distruggeree della distruzione menarono e menan vanto, ci sembra un’assurdità. La Chiesa che secondo Machiavelli fu causa della mancata costituzione d’Italia a nazione, quando Francia, Inghilterra, Germania, Spagna a nazione si costituivano, e fu causa quindi della gravissima inferiorità nostra di fronte alle altre nazioni per il ritardo secolare della nostra costituzione a nazione unita ed indipendente, ritardo di cui anche oggi scontiamo amaramente le conseguenze, la Chiesa che ci ha avversato in tutti i modi durante tutto il periodo del nostro risorgimento, non può servire a costituire l’impero. Se lo facesselo farebbe collo scopo di fare il suo interesse, e non il nostro. Ed in vero essa mira ad un impero puramente latino. Mentre noi massoni pensiamo a tutta la cristianità, a tutto l’Occidente, che occorre unificare, fortificare ed innalzare, ridando piena e libera manifestazione a tutte le antiche energie del suo genio, soffocate ma non distrutte con la caduta dell’impero romano.

Ed infine, ancora una volta ripetiamo con Dante che l’autorità imperiale deve essere sovrana, indipendente dall’autorità religiosa, e congiunta invece all’autorità filosofica, ossia alla sapienza che solo l’iniziazione può dare.

[1] Pubblicato nella rivista «Era Nuova», 1925.

– Artículo*: Pietro –

Más info en psico@mijasnatural.com / 607725547 MENADEL Psicología Clínica y Transpersonal Tradicional (Pneumatología) en Mijas y Fuengirola, MIJAS NATURAL

*No suscribimos necesariamente las opiniones o artículos aquí enlazados

– Enlace a artículo –

The Peloponnesian War – The Sicilian Expedition

The Sicilian Expedition

To read the previous segment on the Peloponnesian War, Click HERE.

When we left off last week, the Peloponnesian war had been raging for 16 odd years, with the latter six under a suspicious title of ‘peace’. The dominance of the Athenians had been questioned and the first set of battles ended inconclusively. It’s no wonder then the war began again, this time with the aim of deciding, once and for all, who ruled the Grecian world.

The Sicilian Expedition

And so, the second part of the Peloponnesian War began after what was euphemistically termed the ‘Sicilian Expedition’. The Sicilians were in fact allies of the Athenians, though very distant. Under normal circumstances, they would probably go unnoticed. And perhaps they would have…except for the fact that these islanders were Ionian, just like the Athenians…and they were under attack by the people of Syracuse, who happened to be ethnic Dorians, just like Athens’ great enemy, Sparta. As a cunning way to get back at their real foe, therefore, the Athenians saw an opportunity to get involved.

Power can be a dangerous thing. Those who hold it, don’t like losing it, and so make decisions that affect the lives of countless others. Seated in their comfortable havens, they command young men to death in the name of gods, kings and country. Along with the fallen soldiers are those whose lands are destroyed, whose sons are subjected to famine, whose wives and daughters are slain. These are the innocents caught in between, the residents of random places, where the strongest states battle for power, seemingly without end…

It is not so different from the United States and Russia battling it out in far flung locations like Vietnam and Korea. These current countries clashed outside their own boundaries, in search for more power without the destruction on their own soil.

Ethnic alliance and wars of opportunity were not the only reasons for the Athenians to sail to Sicily. Another plan was afoot. They wanted to conquer Sicily…to use as a starting point for conquest in Italy and Carthage.

Alcibiades

Alcibiades was the Athenian in charge of the expedition and a crucial character from here on out in the Peloponnesian War. Unfortunately, right before the renowned general and his army headed off, some religious statues were damaged, nay mutalitated. Alcibiades was accused. He tried to resolve the issue before leaving for Sicily, knowing that it could take an unfortunate turn if he was not there to defend himself.

But the powers that be forcibly bid him farewell and he took his crew on the perilous journey. Unfortunately, Alcibiades was commanded back for the trial promptly upon arriving on foreign coast. Fearing he would be condemned unjustly, he decided not to return to Athens. Instead Alcibiades defected and went to the Spartan side…taking with him the Athenian designs to take over Sicily.

The Athenians just lost their main player. The trouble, however, did not stop there. Upon landing on the island, the Athenian army made a classic mistake. They weren’t prepared for the winter and, unlike the Spartans, they were unaccustomed to feeling uncomfortable. So they took a break from the weather and tried to conserve their resources.

This gave the Syracusans just enough time to call their Dorian brothers, the Spartans, for help. Sparta was more than happy to lend a hand to spite their former foe… especially knowing from Alcibiades how important the island was in the grand Athenian war strategy. So Sparta sent General Gylippus to Sicily with reinforcements. They swiftly defeated the shivering Athenian forces.

Syracusan coin, showing a chariot with maritime symbols, commemorating the naval victory (Bode-Museum, Berlin)

The Athenians did not tuck in their tail and turn. Nicias, our previous Athenian peacemaker, called for reinforcements. These additional armies arrived and vicious battles ensued. Eventually, however, the Athenians realised they had to retreat. They prepared to do so at once, but were stopped in their tracks. A bad omen, a lunar eclipse, took place, and so the Athenians delayed their withdrawal. This moment’s hesitance cost them greatly. The Spartans met their fleeing fleet before they could escape. A huge sea battle raged, and the Athenians were defeated once more. This time all survivors were killed or enslaved.

The war was back on.

To Read the finale of the Peloponnesian War, Click HERE for “Athens’ Last Stand”.

“The Peloponnesian War – The Sicilian Expedition” was written by Anya Leonard

The post The Peloponnesian War – The Sicilian Expedition appeared first on Classical Wisdom Weekly.

– Artículo*: anya –

Más info en psico@mijasnatural.com / 607725547 MENADEL Psicología Clínica y Transpersonal Tradicional (Pneumatología) en Mijas y Fuengirola, MIJAS NATURAL

*No suscribimos necesariamente las opiniones o artículos aquí enlazados

– Enlace a artículo –

Eric Geoffroy – La diffusion du café au Proche-Orient arabe par l’intermédiaire des soufis : mythe et réalité

Eric Geoffroy – La diffusion du café au Proche-Orient arabe par l’intermédiaire des soufis : mythe et réalité

– Artículo*: Yahya De Kuyper –

Más info en psico@mijasnatural.com / 607725547 MENADEL Psicología Clínica y Transpersonal Tradicional (Pneumatología) en Mijas y Fuengirola, MIJAS NATURAL

*No suscribimos necesariamente las opiniones o artículos aquí enlazados

– Enlace a artículo –

Dalai Lama Lojong-7-Causa y Efecto, Falsas Percepciones y Medios Hábiles

Karma
Entender el funcionamiento del Karma es la base del camino espiritual, la posibilidad de transformarnos en mejores versiones de nosotros mismos.
Es la brújula para mantenernos dentro del límite de la Ética, la cual es no hacer sufrir a otros seres y por ende no generar obstáculos y sufrimientos para uno mismo
Falsas Percepciones
¿porque mas allá de nuestra fundamental aspiración de ser felices y superar el sufrimiento somos constantemente enfrentados con el sufrimiento y experiencias dolorosas y miseria? desde el punto de vista budista, la razón dada es que hay ciertas fallas fundamentales o formas de relacionarnos con el mundo o percibir el mundo, que en su raíz hay (lo que el budismo identifica como) falsas percepciones:
La primera es ver las cosas y los eventos (que en realidad son impermanentes y transitorios) como eternos, permanentes y que no cambiantes
La segunda: En realidad, las cosas y eventos son de la naturaleza del sufrimiento, son fuente de insatisfacción, pero a menudo tendemos a verlos como placenteros como verdaderas fuentes de felicidad
La tercera falsa percepción, es que a menudo tendemos a captar cosas o experiencias, que en realidad son impuras, como puras y deseables
La cuarta falsa percepción es que tendemos a proyectar una idea de una existencia real, darle existencia propia a muchos de los eventos y cosas que en realidad carecen de esta existencia independiente y propia

– Artículo*: samsaraexit –

Más info en psico@mijasnatural.com / 607725547 MENADEL Psicología Clínica y Transpersonal Tradicional (Pneumatología) en Mijas y Fuengirola, MIJAS NATURAL

*No suscribimos necesariamente las opiniones o artículos aquí enlazados

– Enlace a artículo –

¿Es posible amar a los enemigos?

Por supuesto. Es lo que han hecho los profetas. Los ciento veinticuatro mil profetas que Dios ha enviado como mensajeros para mostrar su camino hacia Él han hecho esto.

Es difícil para la gente común, pero los profetas lo mostraron. Jesús, la paz sea con él, dijo: si alguien te pega, muéstrale la otra mejilla. Así fue en el tiempo de Jesús y también en la primera época del profeta Muhammad, la paz sea con él.

Luego el Profeta Muhammad recibió la orden divina de defenderse a sí mismo.

Si una víbora te ataca podés matarla, o si viene un loco y amenaza a tu familia debés defenderte. Así es en el Islam. Pero, al mismo tiempo, en el sufismo decimos que, verdaderamente, no hay enemigos afuera de uno. Por lo tanto, en ese caso la pregunta pierde sentido. Por eso los Profetas tenían ese inmenso corazón, porque comprendieron que no tenían enemigos, que es una ilusión creer que el enemigo está afuera de uno. No hay enemigos afuera de uno, es una ilusión. Una ilusión que Satán, el demonio, planta en tu corazón.

Tenemos cuatro enemigos y están todos en nuestro interior.

El primero de esos cuatro enemigos es el demonio, que todos tenemos dentro, y es el que te hace creer que tenés enemigos afuera. Te alimenta con ilusiones y pensamientos equivocados.

Segundo, tu ego, que te hace correr detrás de sus deseos, que quiere todo, y se vuelve un mounstro, porque es envidioso, codicioso, iracundo, orgulloso y además es un tirano.

Causa problemas en uno mismo y en los demás. Así es el ego sin control. Un gran enemigo. El mayor enemigo.

El tercer enemigo es el amor excesivo por este mundo, el amor excesivo por lo material, lo que lleva a tu ego a querer tenerlo todo. Ese es otro enemigo.

Y, finalmente, tus inagotables deseos, de la mañana a la noche tenemos una fuente inagotable de deseos y más deseos. Este es otro enemigo.

Porque, finalmente, debes dejar tus deseos por el deseo de tu Señor. Esos son los cuatro enemigos que tienes. Otro enemigo no tienes. Y, si vemos algo malo en alguien no decimos: esa es una mala persona. Decimos: él está ahora cargando una maldad. Pero, de un momento a otro, quizás Allah lo cambie, lo haga mejor. Pero no decimos esa persona es mala.

Sheik Hassan Dyck

– Artículo*: Sabiduria Sufi –

Más info en psico@mijasnatural.com / 607725547 MENADEL Psicología Clínica y Transpersonal Tradicional (Pneumatología) en Mijas y Fuengirola, MIJAS NATURAL

*No suscribimos necesariamente las opiniones o artículos aquí enlazados

– Enlace a artículo –

Reiner en Wagner y Strauss: brillantez, electricidad y epidermis

Interesante este disco con obras de Wagner y Richard Strauss en interpretaciones de Frizt Reiner al frente de la Sinfónica de Chicago, grabado con sonido espléndido para la época –un punto estridente en el caso del segundo autor citado– por los ingenieros de la RCA. Interesante por lo que alberga de bueno, pero también por mostrarnos los puntos débiles del gran maestro de origen húngaro, que algunos tenía.

Ya en el preludio del acto primero de Meistersingers quedan claras sus virtudes: trazo firme, atención tanto a la arquitectura global como al detalle, sentido teatral, brillantez bien entendida, absoluta ausencia de pesadez y una apreciable electricidad. Características, por cierto, que todas juntas no dejan de anticipar las manera de hacer de Sir Georg Solti con la misma orquesta. Pero también se pone en evidencia la falta de sintonía de Reiner con el idioma wagneriano, independientemente de su experiencia de foso: todo suena un tanto seco, escasamente sensual, falto de lirismo y de profundidad emotiva. Con todo, no podemos dejar de aplaudir el carácter bullicioso de la secuencia humorística, en perfecta sintonía con unas maderas que son un prodigio de virtuosismo y están tratadas con admirable claridad, siempre con permiso de un Otto Klemperer que realizó verdaderos prodigios en su registro para EMI.
En el preludio del acto III de la misma ópera se notan aún más las insuficiencias, por razones obvias: falta esa dimensión metafísica, esa hondura espiritual que caracteriza la página. El fragmento enlaza sin solución de continuidad con la danza de los aprendices y la entrada de los maestros, magníficamente dichas pero sin obtener todo el partido posible. De nuevo Klemperer es referencia indispensable.
No cambian las cosas en Götterdämerung. A Reiner le suena todo muy bien, pero no del todo a Wagner. El amanecer carece de misterio, si bien su climax refleja de manera abrasadora la temperatura erótica del encuentro entre Sigfrido y Brunilda. Fresco, animado y colorista el viaje por el Rin, mas no del todo poético, rematándose con un final de concierto más bien decibélico. Defrauda la marcha fúnebre de Sigfrido: lineal y poco matizada, escasa de atmósfera y un tanto castrense.Don Juan de Strauss para terminar. Haciendo un verdadero derroche de adrenalina y virtuosismo, el maestro de Budapest y la formidable orquesta norteamericana ofrecen la lectura en ellos esperable, fogosa a más no poder, llena de sentido teatral, colorista en el mejor sentido –la tímbrica es rica y adecuadamente incisiva– y siempre de una enorme inmediatez expresiva. El problema es el mismo de la grabación de idénticos intérpretes seis años atrás, también para RCA: aunque no deja de paladear con sosiego los momentos amorosos, con frecuencia Reiner se precipita, frasea con rigidez y no es capaz de combinar la referida electricidad de su batuta con una buena dosis de esa sensualidad voluptuosa que también demandan los pentagramas. Tanto ardor juvenil, a la postre, termina eclipsando los aspectos más amorosos y poéticos de esta música.

– Artículo*: Fernando López Vargas-Machuca –

Más info en psico@mijasnatural.com / 607725547 MENADEL Psicología Clínica y Transpersonal Tradicional (Pneumatología) en Mijas y Fuengirola, MIJAS NATURAL

*No suscribimos necesariamente las opiniones o artículos aquí enlazados

– Enlace a artículo –